A+ A A-

"Ecocentri, la Giunta Zedda mette a rischio la salute di Sant'Elia"

L'analisi di Claudia Zuncheddu: "Ecco la vera storia degli ecocentri a Cagliari, approvati tra incoerenze e violazioni: sacrificato il verde pubblico di Sant'Elia, in arrivo sostanze tossiche a ridosso di scuole e anziani, salute dei cittadini ad alto rischio" 

di Claudia Zuncheddu

 

Le preoccupazioni dei cittadini dei quartieri individuati per l’installazione degli ecocentri e la vocazione dei luoghi, da Via San Paolo a Sant’Elia, non hanno avuto alcun peso sulle decisioni dell’Aula comunale di Cagliari.

Tra incoerenze e violazioni gli ecocentri previsti per Sant’Elia e Via San Paolo vengono votati a maggioranza. La localizzazione di questi siti, seppur indispensabili, richiede uno studio attento ancor più quando come in quello destinato a Sant’Elia, di “tipologia B”, possono essere conferiti rifiuti differenziati provenienti da tutta la città, compresi quelli pericolosi: solventi, acidi, prodotti fotochimici, rifiuti contaminati da mercurio, olii esausti, pesticidi, farmaci scaduti. Infatti per i rischi ambientali il centro di tipologia B è regolato dal Codice dell’Ambiente e non può essere situato a ridosso dei centri abitati.

Sant’Elia è il quartiere più popolato della città e non può sacrificare sull’altare di nessun ecocentro i suoi 6000 metri quadri di verde pubblico a ridosso dell’edificio delle Mercedarie, di un Istituto per anziani, di una scuola elementare e dei suoi orti urbani curati dai bambini, nonché sul crocevia da cui si snodano i più importanti percorsi turistico-naturalistici di Cagliari, dal Colle di Sant’Elia, a Calamosca, al Poetto, alle Saline, al Parco di Molentargius: la porta turistica della città e di un quartiere che in termini di sofferenza e di discriminazione ha già dato e per la sua vocazione turistico-naturalistica/storica e archeologica attende di essere valorizzata.

Sant’Elia come San Bartolomeo, costruiti su terreni paludosi colmati con materiali di riporto, con i vistosi cedimenti di pavimenti stradali e dei palazzi da Piazza Falchi a Via Prunas indicano l’inadeguatezza del terreno a sopportare il colossale ecocentro e il peso del traffico di auto e di mezzi pesanti provenienti da tutta la città, oltre alle attività nel Centro stesso.

L’inquinamento dell’aria e acustico, del suolo e del sottosuolo, per sversamenti anche accidentali di sostanze tossiche, deve far desistere i nostri amministratori. Nessuna impermeabilizzazione per l’instabilità del terreno può garantire la sicurezza del sottosuolo e delle falde idriche.

La salute ambientale e dei residenti di Sant’Elia come già denunciato da Medici che operano nel quartiere, è ad alto rischio per la sua costante esposizione all’inquinamento prodotto dalla Saras e dall’inceneritore del Cacip. Il quartiere di Sant’Elia e la porta turistica della città di Cagliari meritano un altro biglietto da visita.

Martedi 08 settembre – Seduta del Consiglio Comunale di Cagliari – Ordine del giorno: dibattito sugli Ecocentri.

Per dovere di cronaca, avendo assistito al dibattito e alle votazioni, pubblico l’esito del voto:

33 consiglieri presenti:

1 voto contrario (Paolo Casu)

22 votano SI

10 astensioni

 

Autore: Redazione Casteddu Online il 10/09/2015 13:00

Catturaeco

 

- See more at: http://www.castedduonline.it/rubriche/il-diavolo-sulla-sella/27073/ecocentri-la-giunta-zedda-mette-a-rischio-la-salute-di-sant-elia.html#sthash.AtKyAef1.dpuf

Pubblicato in Ambiente
“Le preoccupazioni dei cittadini dei quartieri individuati per l’installazione degli ecocentri e la vocazione dei luoghi, da Via San Paolo a Sant’Elia, non hanno avuto alcun peso sulle decisioni dell’Aula comunale di Cagliari”. Lo afferma Claudia Zuncheddu, leader di Sardigna Libera, in merito alla discussione di ieri in Consiglio Comunale di Cagliari. “Tra incoerenze e violazioni gli ecocentri previsti per Sant’Elia e Via San Paolo – dice laZuncheddu – vengono votati a maggioranza. La localizzazione di questi siti, seppur indispensabili, richiede uno studio attento ancor più quando come in quello destinato a Sant’Elia, di “tipologia B”, possono essere conferiti rifiuti differenziati provenienti da tutta la città, compresi quelli pericolosi: solventi, acidi, prodotti fotochimici, rifiuti contaminati da mercurio, olii esausti, pesticidi, farmaci scaduti. Infatti per i rischi ambientali il centro di tipologia B è regolato dal Codice dell’Ambiente e non può essere situato a ridosso dei centri abitati”.
Sant’Elia è il quartiere più popolato della città “e non può sacrificare sull’altare di nessun ecocentro i suoi 6000 metri quadri di verde pubblico a ridosso dell’edificio delle Mercedarie – dice Claudia Zuncheddu -, di un Istituto per anziani, di una scuola elementare e dei suoi orti urbani curati dai bambini, nonché  sul  crocevia da cui si snodano i più importanti percorsi turistico-naturalistici di Cagliari, dal Colle di Sant’Elia, a Calamosca, al Poetto, alle Saline, al Parco di Molentargius: la porta turistica della città e di un quartiere che in termini di sofferenza e di discriminazione ha già dato e per la sua vocazione turistico-naturalistica/storica e archeologica attende di essere valorizzata.Sant’Elia come San Bartolomeo, costruiti su terreni paludosi colmati con materiali di riporto, con i vistosi cedimenti di pavimenti stradali e dei palazzi da Piazza Falchi a Via Prunas indicano l’inadeguatezza del terreno a sopportare il colossale ecocentro e il peso del traffico di auto e di mezzi pesanti provenienti da tutta la città, oltre alle attività nel Centro stesso”.
“L’inquinamento dell’aria e acustico, del suolo e del sottosuolo – prosegue la ex consigliere regionale -, per sversamenti anche accidentali di sostanze tossiche, deve far desistere i nostri amministratori. Nessuna impermeabilizzazione per l’instabilità del terreno può garantire la sicurezza del sottosuolo e delle falde idriche.La salute ambientale e dei residenti di Sant’Elia come già denunciato da Medici che operano nel quartiere, è ad alto rischio per la sua costante esposizione all’inquinamento prodotto dalla Saras e dall’inceneritore del Cacip. Il quartiere di Sant’Elia e la porta turistica della città di Cagliari meritano un altro biglietto da visita”.
“Per dovere di cronaca, avendo assistito al dibattito e alle votazioni, pubblico l’esito del voto di martedi 08 settembre – Seduta del Consiglio Comunale di Cagliari – Ordine del giorno: dibattito sugli Ecocentri: 33 consiglieri presenti, 22 votano SI, 10 astensioni, 1 voto contrario (Paolo Casu)”.
Fonte Press in Sardinia
 
Catturapress
 
Pubblicato in Ambiente

L'Affaire San Raffaele, un’operazione di marca colonialistica
Claudia Zuncheddu per la rivista La Collina (anno VIII, n° 3; luglio-settembre 2015)
Nei processi di espansionismo economico e di dominio del genere umano non sempre le guerre sono l’arma vincente. L’emirato del Qatar, che vanta una popolazione di poco superiore a quella sarda ma una economia che cresce al ritmo del 10% annuo, un PIL di 180 miliardi di dollari e un Fondo sovrano di 60 miliardi, oggi si pone come forte interlocutore economico, non solo nella sponda sud del Mediterraneo ma in Europa e nel mondo.

Pubblicato in Economia

Pesante denuncia di Claudia Zuncheddu: dalle scorie nucleari ai siti inquinati.
«Scelte criminali per l'Isola: lo spopolamento è funzionale».

Pubblicato in Ambiente

«Che danno se Terna va via»

ENERGIA. Claudia Zuncheddu: la politica non sottovaluti l'operazione.
Se Terna chiude in Sardegna «il sistema elettrico isolano rischia di tornare agli anni Cinquanta quando si utilizzavano le candele di cera o le lampade a carburo». Non è una provocazione, ma un allarme vero e proprio quello che lancia Claudia Zuncheddu, ex consigliera regionale di Sardigna libera.

Pubblicato in Economia

Il pasticcio delle scuole di specializzazione ha del paradossale. Secondo Claudia Zuncheddu (Sardigna Libera) sorprende che a combinarlo sia stata proprio «una casta di universitari, la stessa che guida il governo della Sardegna».

Pubblicato in Istruzione

Mater Olbia, festa fuori luogo

L'ex San Raffaele e il colonialismo Mater Olbia, festa fuori luogo In questi giorni i mass media ci hanno informato sulla festa per il Mater Olbia che poco tempo fa ha visto protagonisti tutta la classe politica sarda, il Governo italiano, il Vaticano con il Bambin Gesù e lo Stato arabo del Qatar. “È un ospedale. Un giorno ospiterà i malati, oggi riceve i mali della Sardegna”.

Pubblicato in Ambiente

«Nessuno tocchi Sardigna Libera»

«Su internet, qualcuno sino ad ora anonimo, si è appropriato senza autorizzazione del logo di Sardigna Libera per creare confusione, attribuendo al nostro movimento posizioni xenofobe e razziste». Sono le parole di Claudia Zuncheddu, la segretaria di Sardigna Libera. «In particolar modo sul dramma dei migranti costretti a morire nel Mediterraneo, nell'indifferenza di gran parte della cosiddetta Europa civile».

Pubblicato in Indipendentismo

Il diritto di morire con dignità

I malati di Sla, attraverso le loro lotte ripropongono a tutta la società una riflessione sulla malattia come fonte di discriminazione e di negazione di diritti inalienabili dell'uomo.

Pubblicato in Salute

Vitalizi regionali e etica delle Istituzioni
di Claudia Zuncheddu - Il Manifesto Sardo 16 Novembre 2014
MANIFESTOSARDO.ORG

Pubblicato in Economia
© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera