A+ A A-

Un coordinamento sardo per vincere

 

 

 

 

orgosolo-1-665x438

Articolo di Claudia Zuncheddu pubblicato su "il Manifesto Sardo" dell'1-4-17

Al Convegno di Siniscola del 25 marzo. La presentazione del libro Idea di Sardegna di Carlo Pala, è stata l’occasione per un confronto costruttivo tra i vari esponenti del mondo indipendentista sulla situazione sarda.

La crisi dei partiti in Italia e delle loro dependances in Sardegna impone ai sardi un’accelerazione di tutti quei processi di confronto e di azione politica nei territori che devono condurre all’unità delle nostre forze. La Sardegna è sempre più Terra coloniale di saccheggio e di conquista. Le scelte economiche sbagliate gestite anche dalla classe politica sarda, continuano a lasciare nei territori povertà e macerie. La distruzione della scuola e della sanità pubblica, dell’ambiente, del territorio con il suo sistema economico e sociale, la conseguente desertificazione dei territori e lo spopolamento, anche per la fuga dei nostri giovani e di antiche professionalità ed intelligenze, ci impongono una grande responsabilità: aprire un processo di unità delle forze per porre fine allo scempio.

La Politica non dà risposte alla profonda crisi economica e sociale in corso, mentre i media esibiscono lo spettacolo indegno dei giochi di potere della nostra classe politica: la guerra per bande tra partiti e tra le loro fazioni interne. Sui bisogni e le emergenze sarde prevale la politica affaristica, giochi di spartizione del potere, tra clientelismo ed ogni sorta di speculazione sulle nostre risorse. Questa è la classe politica degli inceneritori, del ritorno al carbone, della produzione di bombe, della svendita della nostra Terra, del profitto per pochi e della fame per le nostre collettività.

La guerra per gli affari genera fratture nei partiti, fratture che trovano soluzione con il riciclo dei “soliti noti” all’interno di nuove sigle politiche italiane imposte in Sardegna. E’ da combattere ogni forma di colonizzazione politica vecchia e nuova, siano essi partiti che movimenti opportunistici, telecomandati a distanza, privi di democrazia e di capacità decisionale in loco.

La crisi del potere porta alla repressione. I recenti fatti di Sassari, con l’interrogazione parlamentare di tre senatori, di cui uno sardo, con cui si sollecitano provvedimenti contro il Preside ed il Consiglio dei docenti di un liceo, colpevoli di aver portato al centro del dibattito il tema sull’occupazione militare in Sardegna, è il segno della crisi di un sistema politico che non si arrende al proprio fallimento ed invoca ancora una volta l’arma della repressione. In malafede, i senatori parlano di “separatismo”, un fenomeno inesistente in Sardegna e che in altri tempi è stato funzionale al montaggio di complotti di cui molti sardi hanno pagato alti prezzi. A noi non è concesso di sollevare la testa, ancor meno quando le politiche italiane vacillano in odore di elezioni e di rischio di perdita di potere.

In Sardegna ci sono grandi fermenti di cui l’indipendentismo organizzato ne è una parte. Comitati territoriali dei settori più diversi, il mondo culturale, delle professioni, numerosi reduci di partiti italiani, associazioni di sardi che interagiscono dall’estero, sindacati sardi, associazioni scientifiche etc., sostengono che bisogna porre fine alle politiche coloniali di devastazione e di privazione dei nostri diritti. Questo è possibile con un progetto alternativo che nasca dal coordinamento di tutte le intelligenze locali. Il mondo indipendentista ha in corso un dialogo pacifico e costruttivo, conscio della responsabilità di non essere stato in grado, sino ad oggi, di unirsi e di proporre il progetto di governo alternativo per i sardi. Così come il Psd’Az deve scegliere, una volta per tutte, con chi stare.

Un progetto politico moderno e d’avanguardia in Sardegna è possibile se sapremo mettere insieme tutte le nostre diversità, che sono una ricchezza.

Il Sovranismo nasce in Sardegna come tomba dell’indipendentismo. Un’ambiguità politica sperimentata nel XV legislatura, per contrapporsi all’Indipendentismo e potenziare fedelmente le politiche degli alleati italiani. In questi ultimi tempi i sovranisti si sono distinti tra chi ha acquisito maggiore potere nel governo della RAS, che gli consente grandi manovre, comprese quelle tese a garantire la crescita delle proprie fila e chi invece, più debole e meno competitivo, dopo aver dato tanto agli alleati italiani non gli resta che cercare in tutte le direzioni scialuppe di salvataggio. Le elezioni si avvicinano e bisogna tener conto anche di questi fenomeni. Dai dati sull’attività istituzionale, tra Giunta e Consiglio, emerge che i sovranisti sono stati tra gli artefici delle politiche più devastanti della storia della RAS. E’ con essi che si svendono le terre migliori dell’Isola, vedi SBS di Arborea a Bonifiche Ferraresi, mentre si acquisiscono inceneritori. Tossilo parla chiaro.

E’ finita l’era delle alleanze innaturali. Tutto è stato già sperimentato. Di fronte all’emergenza sociale ed economica, all’inasprirsi dei rapporti tra la RAS e i governi d’Italia, ai diktat della Finanza internazionale attraverso i governi, alla crisi del sistema dei partiti con le avvisaglie di repressioni, i sardi devono organizzarsi autonomamente per creare l’alternativa di governo al dominio delle politiche del centro destra e del centro sinistra. Un bipolarismo che ha trovato la sua sintesi nel Pensiero unico, in armonia con il sistema oligarchico italiano.

Nello scenario di ribellione a questo sistema, il mondo indipendentista e identitario è solo una delle componenti. Da qui la necessità di promuovere un vasto coordinamento nazionale sardo che accolga tutte le diversità politiche organizzate e no, individualità e tutte le espressioni di ribellione presenti nei nostri territori.

In Sardegna sono in corso numerosi momenti di dibattito e di confronto, Mesa Natzionale con cinque formazioni indipendentiste è uno di questi. Nel percorso delle lotte per i diritti dei sardi, oggi, indipendentisti e no marciano insieme.

La questione della Legge elettoraleLa società sarda a tutt’oggi non è stata dotata di uno strumento democratico che le garantisca il diritto di rappresentanza nelle sedi istituzionali. Una Legge elettorale equa e che non discrimini i sardi è indispensabile. Chi governa, non ha onorato la promessa fatta in campagna elettorale, secondo cui, questa sarebbe dovuta essere la priorità. E’ consuetudine che di questo strumento negato, se ne parli a fine legislatura per ingannare ancora una volta i sardi. Il Comitato d’Iniziativa Costituzionale e Statutaria, ha in corso la stesura di una proposta di Legge elettorale sarda che merita l’attenzione di tutti.

Il voto è l’unica arma che abbiamo per mandare a casa i partiti politici italiani. Urge un progetto politico di riscossa che abbia anche una sua espressione elettorale a tutti i livelli. Se sapremo coordinarci ed unirci sulla base di ciò che condividiamo, vinceremo la nostra battaglia.

Pubblicato in Indipendentismo

partimus

L'alternativa natzionale chiama a raccolta le idee.

Il progetto di aggregazione delle forze indipendentiste e civiche lanciato lo scorso ottobre al T-Hotel a Cagliari prende slancio. Dopo la giornata di studio e dibattito sulla necessità di riscrivere lo statuto autonomistico che ha inscritto in un unico perimetro diverse personalità del mondo politico e intellettuale sardo, il movimento “Pro s’Alternativa Natzionale” fa tappa a Cagliari per un brain storming sui temi caldi della politica sarda.

19 febbraio a Cagliari, nel castello di S. Michele (Colle S. Michele) alle 9:15.

Pubblicato in Indipendentismo
Il numero 217     16/06/2016
 
Il risultato elettorale delle amministrative di Cagliari merita un’analisi attenta, non a caldo e distaccata. E’ evidente che tra i principali blocchi politici concorrenti, centro sinistra e centro destra, non c’è chi ha perso, al di là della vittoria di Zedda al primo turno e dell’apparente sconfitta di Massidda.  
 
La riconferma di Zedda sindaco di Cagliari, non è una sua vittoria personale, e ancor meno esclusiva dello schieramento di centro sinistra. Di fatto è la vittoria di un sistema politico variegato e complesso che attorno al potere si è saputo compattare e consolidare. Interi segmenti di centro destra sono transitati all’interno del centro sinistra, e il caso Psd’Az ne è un esempio. Il Partito Sardo che ancora oggi fa parte della minoranza di centro destra nel Consiglio della Regione Autonoma, per le amministrative di Cagliari trasloca nel centro sinistra, ma non prima di essersi caricato di forze di centro destra. Gran parte dei voti dell’UDC sono infatti la dotte che questo Psd’az porta al centro sinistra garantendogli la vittoria al primo turno ed evitandogli un rischioso ballottaggio. Per non parlare dei fiumi di voti, che in modo più o meno subdolo, per le contraddizioni interne alla destra sarda, sono confluiti nel centro sinistra.
 
A elezioni concluse, quindi, possiamo ribadire che nessuna vittoria per il centro sinistra cagliaritano sarebbe stata possibile senza la sua deriva a destra.
 
L’anomalia cagliaritana in definitiva viene esaltata in Italia come vittoria delle strategie del PD, una vittoria controtendenza rispetto ai risultati elettorali che in diverse città d’Italia hanno decretato la sconfitta e lo scricchiolamento del partito di Renzi.
 
Un approfondimento necessario da cui non si può prescindere nello scenario politico sardo è il ruolo delle cosiddette forze sovraniste oggi all’interno del cosiddetto centro sinistra che non ha neppure il pudore di definirsi identitario come si proclamava in altre stagioni politiche. Nella Regione Autonoma, elementi di spicco, ieri del centro destra di Cappellacci, oggi sono assessori di spicco della Giunta Pigliaru, mentre a Cagliari sono parte integrante della maggioranza variopinta di Zedda.  
 
Certo è che per i sovranisti, in barba al nome che portano, resta difficile motivare il loro appoggio politico incondizionato ai processi di fusione dei blocchi italiani, del Pensiero Unico, del Partito della Nazione (naturalmente italiana) che la Sardegna dovrà subire.
 
La Legge elettorale sarda, della precedente legislatura, che come intuivo e denunciavo nello stesso Consiglio della RAS, ha agevolato il bipolarismo italiano, decretando l’esclusione dalle istituzioni di tutte le minoranze politiche a partire da quelle identitarie. Con Renzi l’accelerazione inaspettata di quei processi è stata tale da superare il passaggio successivo previsto dal bipolarismo al bipartitismo perfetto, per celebrare of course la fusione perfetta dei due blocchi italiani, il Pensiero Unico alla base del nuovo sistema oligarchico che vorrebbe avere la sua benedizione con il “SI” al referendum di ottobre sulle modifiche alla Costituzione. Un pensiero italiano che in modo beffardo viene sperimentato proprio nella realtà sarda, dove fermentano da lungo tempo sentimenti indipendentisti, seppur senza mai quagliare in forme di unità politiche importanti come auspicato dal popolo sardo.
 
Le elezioni di Cagliari rappresentano il laboratorio perfetto di questa sperimentazione tutta italiana che inevitabilmente si è conclusa con la vittoria di un sistema variegato e la sconfitta di un’Idea di unità delle nostre forze, di un progetto tutto sardo che nonostante stenti a decollare, resta l’unica alternativa possibile per il cambiamento e la salvezza economica e sociale della Sardegna nella tempesta della globalizzazione. Ora il PD porta a Roma il suo trofeo sardo Zedda, ufficialmente aderente a Sel, per sostenere la campagna elettorale di Giachetti, e per mostrare in Italia come si può vincere senza ostacoli e senza creare sconfitti all’interno delle lobby della politica italiana.
 
I veri sconfitti sono stati tutti quei sardi che auspicavano la creazione di un ampio polo civico alternativo ai due blocchi continentali. E’ stata fino ad ora sconfitta l’idea di innescare, a partire dalle esigenze e criticità dei quartieri e dei cittadini cagliaritani, un processo di valorizzazione e di unità di tutte queste forze minoritarie che unite avrebbero rappresentato, anche in Consiglio comunale, l’inizio di un percorso alternativo possibile. Purtroppo ancora una volta hanno prevalso logiche minoritarie e personali perdenti, funzionali alla conservazione del potere e del sistema.
 
Le stesse logiche di divisione in Sardegna, hanno fatto sì che il brand 5 Stelle, sulla scia della grancassa d’oltre Tirreno, in questa tornata elettorale approdasse in consiglio comunale, interpretando anch’esso un ruolo in commedia, e cioè essere elementi di divisione e di distruzione di un progetto cagliaritano e sardo antagonista ai blocchi italiani sempre più simili. Questo ruolo politico, che gli è congeniale, nasce principalmente dalla totale mancanza di autonomia dei loro militanti nei territori ed è anch’esso funzionale al sistema.
 
Claudia Zuncheddu
Pubblicato in Indipendentismo

Al Segretario del Psd'Az Christian Solinas

Ti porgo le congratulazioni per la nuova nomina di Segretario Nazionale del Psd’Az - Partidu Sardu, a nome di Sardigna Libera e mio personale. Auspichiamo che il Partito ritrovi il suo orientamento naturale fuori dalle coalizioni italiane, siano esse di centro destra che di centro sinistra. Coalizioni che per la loro natura sono state da freno per l’emancipazione economica, sociale e politica dei sardi. Per tali alleanze abbiamo pagato e continuiamo a pagare costi troppo elevati. 
La Legge elettorale, ideata per escluderci, piegarci e costringerci ad allearci contro la nostra natura con i blocchi italiani, pur di continuare ad esistere, può essere superata con la coalizione di tutte le nostre formazioni politiche e dei sardi liberi. Oggi alla luce delle diverse sperimentazioni di alleanze di partiti identitari e indipendentisti con i blocchi italiani, è ben chiaro che non si è andati oltre l’elezione di qualche rappresentanza nelle istituzioni sarde. Ma il nostro progetto, di governo e di indipendenza della Sardegna, va ben oltre le logiche dei singoli. Spetta a noi costruire l’Alternativa ai blocchi italiani, l’Alternativa che metta al centro della politica sarda i diritti, gli interessi, i sogni e le ambizioni del nostro Popolo con la costituzione di un fronte che accolga tutte le nostre diversità: sardiste, indipendentiste, identitarie etc. conservando le ricche peculiarità che fanno parte della storia e della cultura sarda.
Le prossime amministrative di Cagliari possono essere il primo banco di prova. Non è più tempo di alleanze con i blocchi italiani, così come bisogna superare le sperimentazioni minoritarie. Solo se avremo la capacità di costruire un progetto condiviso, anche se su punti, potremo superare la vocazione minoritaria e alla sconfitta. Il Popolo sardo non si può più permettere di perdere.
Ritrovare il nostro orgoglio di sardi liberi dai lacci estranei non solo è possibile, ma è per noi vincente. I sardi attendono questa trasformazione storica nell’evoluzione della politica nazionale.
 
Fortza paris
Claudia Zuncheddu
SardignaLibera
Pubblicato in Indipendentismo

Il censimento imposto come esigenza dei governi, nelle società nomadi, come in questo caso, quella pastorale sarda, ha sempre creato forti diffidenze. Il controllo degli allevamenti bradi o semi-bradi, con l’alibi della recrudescenza della PSA, risponde a esigenze estranee alla nostra cultura millenaria e alla nostra economia.

Pubblicato in Ambiente

Petizione #NoScorie

Video dal canale

 

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera