A+ A A-

…non è che l’inizio, la lotta continua.

Vota questo articolo
(11 Voti)

Cari Amici,
dopo cinque anni di attività politica nel Consiglio della RAS all'interno del Gruppo consiliare “Sel-Sardigna Libera”, per la prima volta mi sono voltata indietro per osservare il mio operato politico che è stato importante e intenso in difesa dei diritti e degli interessi del nostro Popolo e dei nostri territori.

La pratica della Trasparenza, con la pubblicazione giorno dopo giorno di ogni mio atto politico, ha fatto sì che il mio sito divenisse una fonte di informazione politica attendibile e di rilievo non solo in Sardegna.

Oggi credo di poter sostenere che quell’immenso e meticoloso lavoro principalmente sulla Sardegna, racchiuda gli elementi di un percorso politico identitario, non solo per le specificità della nazione sarda, ma per i diritti, l’uguaglianza e il benessere di ogni Popolo e in ogni nazione.

Per la difesa di tali diritti, laddove la RAS non ha colpevolmente risposto, le mie azioni sono state anche giudiziarie, vedi il caso del G8 a La Maddalena, esitate con un processo contro la Protezione Civile italiana e la condanna del presidente Bertolaso alla consegna di tutta la documentazione inerente l’”affare G8”, sino a quel momento coperta da segreto di Stato.

La corsa elettorale per la XV Legislatura, che mi ha visto candidata indipendente nelle liste di Sinistra Ecologia Libertà, si è svolta in una condizione di forte destabilizzazione sociale ed economica, con una confusione politica segnata dall’astensionismo, dal voto di protesta e dal consolidamento di noti centri di potere.

Il risultato elettorale, benché mi abbia visto terza e prima dei non eletti nelle liste di SEL (circoscrizione di Cagliari), è stato straordinario in quanto frutto di consensi derivanti dal mio impegno personale e non sostenuto da strutture organizzate di Partito. Il mio impegno politico in tutta la Sardegna, ha premiato anche elettoralmente SEL, con cui la mia formazione politica indipendentista Sardigna Libera ha creato Gruppo consiliare per cinque anni.

Molte delle battaglie da me portate avanti all’interno delle istituzioni, restano ad oggi aperte.

Sarebbe troppo lungo e ripetitivo elencarle, ma esse, non da oggi, sono riportate minuziosamente nel mio sito personale e nel sito ufficiale del Consiglio. Spero e auguro, per la libertà e il benessere a cui ha diritto il nostro Popolo, che queste battaglie che nascono dai nostri territori e dalla nostra storia, non vadano né trascurate né perdute all’interno delle istituzioni.

In questo momento dove una Legge elettorale sarda “maschilista e liberticida per le minoranze e per il loro diritto di rappresentanza politica autonoma” da me strenuamente combattuta, ha eliminato violentemente dal Consiglio Sardo parti politiche importanti della nostra società.

Questa Legge particolarmente liberticida nei confronti delle donne, ancora una volta nega l’equa rappresentanza di genere femminile, prevista anche dalla Costituzione italiane italiana e dal nostro Statuto Speciale, eliminando dalla partecipazione oltre il 50% della popolazione sarda.

A tutti i sardi, gli amici, compagni e patrioti, che hanno sostenuto in questi anni le nostre battaglie per i nostri diritti irrinunciabili a una vita migliore, a una società equa e solidale e al diritto di libertà, autodeterminazione e indipendenza del nostro Popolo, va il mio Grazie e un affettuoso abbraccio.
…non è che l’inizio, la lotta continua.
Claudia Zuncheddu

Claudia Zuncheddu

Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Milano, è giornalista pubblicista, appassionata di antropologia e autrice dei libri: “Parigi-Pechino sulle orme di Marco Polo” e “Africana”. Ex-consigliera comunale di Cagliari, è stata consigliera regionale nella XIV Legislatura.

Sito web: www.claudiazuncheddu.net

13 commenti

  • Andrea

    Claudia sei stata in questi anni esempio di onestà e trasparenza, hai sempre pubblicato tutta la tua attività in rete e aperto le porte del "Palazzo nero di via Roma" ai più. Mentre gli altri "onorevoli" da quasi un anno si facevano campagna elettorale (o erano indaffarati a cercare scontrini da presentare ai magistrati), tu continuavi con la tua attività di difesa del territorio e della salute delle popolazioni. Dalla parte dei più deboli. Sei una grande lo sai!

    Rapporto Andrea Link al commento
  • nicoletta

    In questo consiglio regionale mancherà la tua IMPORTANTE voce libera. Grazie per le battaglie che hai portato avanti in tutti questi anni, sempre a difesa dell'ambiente e dei più deboli. E' doloroso apprendere che grazie a questa scellerata legge elettorale tu, nonostante il grande e importante riconoscimento elettorale, non possa rappresentarci....in tanti sentiremo la mancanza della tua politica d'avanguardia e in tanti ci sentiremo orfani.

    Rapporto nicoletta Link al commento
  • maria cristina

    grazie claudia sei fantastica

    Rapporto maria cristina Link al commento
  • Agostino

    Claudia lo sforzo che personalmente ho cercato di fare aveva un senso, infatti i numeri realizzati da tutti i simboli indipendentisti,avrebbero concesso una vittoria, ora che abbiamo visto nonostante una elevatissima astensione avremmo avuto tutti una collocazione che oggi non abbiamo. La fregata di destra e quella di sinistra presto scoppieranno,quindi organizziamoci presto per essere pronti al momento giusto. Il tempo e tiranno non perdiamo tempo prezioso. Un abbraccio forte forte....

    Rapporto Agostino Link al commento
  • raffaella lussu

    la tua voce libera e combattiva mancherà in questo consiglio regionale. I movimenti indipendentisti, dilaniati da lotte interne, hanno perso tutti in queste elezioni. La lotta continua e ci auguriamo di averti sempre a nostro fianco nelle nostre lotte per il diritto al lavoro, alla salute ed all'ambiente così come ci hai abituato.

    Rapporto raffaella lussu Link al commento

Lascia un commento

Assicurati di aver compilato tutti i campi richiesti (*). Puoi usare il codice HTML.

Petizione #NoScorie

Video dal canale

 

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera