Segnala il commento come inappropriato

In un periodo caratterizzato dalle urla, da feroci accuse reciproche, dagli insulti, dalla mancanza di stile e dal degrado morale... fa piacere leggere un'analisi amara ma pacata, piena di misura, stile e buonsenso... la classe non è acqua!... Claudia Zuncheddu è una signora, una persona colta e tenace, una Sarda autentica! Mi dispiace che il consiglio della RAS perda una voce libera come la sua... per colpa di una Legge elettorale sarda “maschilista e liberticida per le minoranze"... a causa della forte destabilizzazione sociale ed economica, di una confusione politica, di una grossa fetta di elettorato deluso che ha scelto l'astensionismo (quasi il 50%) per il brutto spettacolo che la politica in generale ha dato e sta dando di se... Non ho dubbi che da qui la lotta deve ripartire, che la lotta continua... c'è bisogno di un grande impegno. Penso che bisognerà lavorare molto per avere un elettorato più consapevole. Non è più tempo di urla, di accuse ma di analisi e ragionamenti. Anche di umiltà e riflessione. Spero che tutto quel che è accaduto in questi ultimi mesi sia motivo di riflessione per tutte le formazioni indipendentiste, progressiste. Non ho dubbi che Claudia continuerà ad essere una voce autorevole e forte fuori dal Consiglio della RAS... come lo è stata dentro, in tutti questi anni in difesa del territorio, dell'ambiente, della salute... della Sardegna e del Popolo Sardo. Auguri Claudia... e forza Sardigna!