A+ A A-

Lettera al Presidente Pigliaru - Dietro l'Agenzia Forestas aleggia lo spettro liberista delle dismissioni e della speculazione

Vota questo articolo
(0 Voti)
18 183 20090612164331
 
Che “Forestas” la nuova Agenzia Regionale che soppianta l’Ente (pubblico) Foreste, sarebbe stato un pasticcio, lo scrivevo pubblicamente a Pigliaru il 25 luglio del 2015.  Ma la mia esortazione a riflettere a ben poco è servita. Hanno prevalso altre dinamiche e altri interessi.
 
Con la scusa di “modernizzare e attualizzare”, in sintonia con i tempi e gli umori renziani, sotto un governo cosiddetto di Centro Sinistra e Sovranista, a colpi di Legge, viene soppiantato un Ente pubblico per privilegiare la nascita di una ennesima Agenzia Regionale: Forestas.
 
Un nome sardo per un progetto politico che si ispira a vecchie logiche di potere, di cui la Sardegna ha solo bisogno di liberarsi.
 
 
 
Così scrivevo al Presidente Pigliaru il 25 luglio 2015
 
 
 
Lettera al Presidente Pigliaru - Dietro l'Agenzia Forestas aleggia lo spettro liberista delle dismissioni e della speculazione
 
 
 
 
 
Egregio Presidente
 
 
La soppressione dell’Ente Foreste della Sardegna e la sua sostituzione con un nuovo soggetto giuridico, l’Agenzia Forestas, è una scelta che preoccupa noi sardi, come è stato già denunciato dai sindacati.
 
 
Presidente, la privatizzazione di un Ente pubblico non garantisce la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio forestale-ambientale e delle attività tradizionali ad esso connesse. L’affidamento della neo-Agenzia ad un amministratore unico, come prassi nelle aziende private, attribuisce a questa figura ampi poteri sia sulle scelte occupazionali, con la libertà di attribuire lavori in house e/o esternalizzazioni, che nelle possibili cessioni di aree di pregio su cui la speculazione privata punta gli occhi non da oggi.
 
 
Forse per Lei Presidente e per la Sua Giunta, con non celate simpatie liberiste, la valorizzazione del patrimonio ambientale sardo è garantita dagli speculatori e la soluzione del dramma occupazionale dalle esternalizzazioni. 
 
 
Sulla filosofia che anima la Giunta di centro sinistra e sovranista, in materia occupazionale, lascia pochi dubbi la disapplicazione della LR 31/1998, la Legge che ha contribuito a incrementare i livelli occupativi per la salvaguardia dell’ambiente boschivo (vedi le stabilizzazioni per 300 operai nel biennio 2015/2016).  
 
 
L’Ente Pubblico va adeguato e migliorato alle nuove esigenze ma non di fatto soppresso. In tutti i comuni dell’Isola gli operai dell’Ente Foreste sono in progressiva riduzione, con pesanti ricadute sull’economia delle famiglie e degli enti locali, mentre avanza lo spopolamento soprattutto nelle zone interne con la desertificazione e l’abbandono dei territori.
 
 
E’ compito della Politica gestire in modo virtuoso il bene pubblico, non a colpi di privatizzazione ma incentivando i controlli e la prevenzione rispetto anche agli incendi e alla speculazione sulle foreste. Questa è fonte di occupazione, caro Pigliaru.
 
 
Il disegno di legge per la Riforma del Piano Forestale Regionale risponde a logiche estranee alla nostra Isola. Dietro l’Agenzia Forestas aleggia lo spettro liberista delle dismissioni e della speculazione che in Italia ha arricchito solo certi privati.  
 
 
Il Consiglio della Regione Autonoma della Sardegna, deve vigilare e porre fine a un lungo elenco di Leggi, come questa, varate dalla Politica sarda per condannare e opprimere i sardi.
 
 
 
Claudia Zuncheddu

Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Milano, è giornalista pubblicista, appassionata di antropologia e autrice dei libri: “Parigi-Pechino sulle orme di Marco Polo” e “Africana”. Ex-consigliera comunale di Cagliari, è stata consigliera regionale nella XIV Legislatura.

Sito web: www.claudiazuncheddu.net

Lascia un commento

Assicurati di aver compilato tutti i campi richiesti (*). Puoi usare il codice HTML.

Petizione #NoScorie

Video dal canale

 

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera