A+ A A-

Sull'emergenza "lingua blu" in Sardegna

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lingua blu, Claudia Zuncheddu: «Prevenzione inefficace».
«Il diffondersi della lingua blu in aree sempre più vaste del nostro territorio sta mettendo in ginocchio le aziende, producendo incalcolabili danni alla pastorizia. Di fronte a un tasso di mortalità degli ovini in crescita, preoccupa l'incapacità delle istituzioni di gestire l'epidemia». Lo afferma la consigliera regionale di Sardigna Libera, Claudia Zuncheddu, depositando un'interrogazione in Consiglio.«Ai primi di luglio - spiega - i vaccini messi a disposizione degli allevatori hanno creato forti perplessità nel mondo pastorale, per via dei possibili effetti collaterali sulla salute degli ovini. Nelle passate campagne di vaccinazione si sarebbe registrata una riduzione media del 50% della produzione del latte e numerosi casi di infertilità. È palese la preoccupazione di fronte alle voci secondo cui gli indennizzi, che comunque mai potrebbero compensare i danni, sarebbero condizionati alla somministrazione dei vaccini imposti dalle Asl e dall'assessorato».
L'Unione Sarda - 04/09/2013

Lingua blu, vaccini dubbi.
Claudia Zuncheddu (Sardigna Libera) ha presentato un’interrogazione in Consiglio nella quale dà voce ai dubbi degli allevatori sull’efficacia dei vaccini distribuiti dalla Regione contro l’epidemia di lingua blu negli allevamenti ovini della Sardegna e alle loro paure per i possibili effetti collaterali sulla salute degli animali. «Nelle passate campagne di vaccinazione si sarebbe registrata una riduzione media del 50% della produzione del latte e numerosi casi di infertilità», riferisce la consigliera che è anche un medico.
La Nuova Sardegna - 04/09/2013

Raffica di interrogazioni sui ritardi nella profilassi.
Cinque consiglieri regionali dell’opposizione hanno scritto al presidente della commissione Agricoltura, Paolo Terzo Sanna (Pdl), per chiederne la convocazione urgente e l’audizione degli assessori alla Sanità, De Francisci e Cherchi all’Agricoltura sull’epidemia. La lettera è firmata da Luigi Lotto (Pd), Efisio Arbau (La Base), Claudia Zuncheddu (Sardigna Libera), Daniele Cocco (Sel) e dal vicepresidente della commissione, Antonio Solinas, che ha anche presentato un’interrogazione comela consigliera regionale di Sardigna Libera, Claudia Zuncheddu, che ha dato voce ai dubbi degli allevatori sull’efficacia dei vaccini messi a disposizione dalla Regione e alle loro paure per i possibili effetti collaterali sulla salute degli animali. «Nelle passate campagne si sarebbe registrata una riduzione media del 50% della produzione del latte e numerosi casi di infertilità», riferisce. «A tutt’oggi – prosegue – non sarebbero stati eseguiti i normali prelievi ematici previsti sugli ovini affetti dalla malattia, indispensabili per l’individuazione del sierotipo, da cui non si può prescindere per individuare il vaccino specifico.L’imposizione delle vaccinazioni nel pieno dell’epidemia è un grave atto di irresponsabilità, perchè l’immunizzazione, come avviene per l’uomo, dev’essere sempre eseguita anticipatamente per prevenire l’esplosione della malattia ed è controindicata quando essa è già in corso, pena l’aggravamento e il complicarsi dei casi». «È palese», conclude la consigliera di Sardigna Libera, «la forte preoccupazione dei pastori di fronte alle voci secondo cui gli indennizzi, che comunque mai potrebbero compensare i danni prodotti dalla perdita degli ovini, sarebbero condizionati alla somministrazione dei vaccini imposti dalle Asl e dall’assessorato alla Sanità».
La Nuova Sardegna - 05/09/2013

Redazione

Ci occupiamo della rassegna stampa, della raccolta di foto, video e news sugli incontri promossi sul territorio da SardignaLibera.

Lascia un commento

Assicurati di aver compilato tutti i campi richiesti (*). Puoi usare il codice HTML.

Petizione #NoScorie

Video dal canale

 

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera