A+ A A-

Il tuo 5x1000 per i bambini Tuareg

Vota questo articolo
(0 Voti)

Appello di Claudia Zuncheddu
Per i bambini Tuareg del deserto del Mali devolvi il tuo
5 X 1000
Codice Fiscale 92 140 490 928
Numero da inserire nella casella “volontariato” sulla tua dichiarazione dei redditi.
Non dimenticare di firmare

Azalai,è la nostra Associazione di volontariato ONLUS nata per il progetto “Una scuola per i Piccoli Tuareg” del Mali in collaborazione con APRODEZA (l’Association pour la Promotion et le DéveloppementdesZonesArides) gestita dai Tuareg.
Abbiamo fondato tre accampamenti scolastici nel deserto a sud-ovest di Timbuctu-Circle de Goundam: Tin Adanda, Tin Gnèrè, Tin Lokiyan,garantendo con la scolarizzazione, gli stipendi agli insegnati tuareg,acqua, miglio e riso. Abbiamo avviato l’assistenza sanitaria e rilanciato la Medicina Tradizionale.Parallelamente con l’acquisto di capre, le scuole sarebbero state in grado di autogestirsi in tempri brevi e in armonia con la vocazione pastorale delle collettività tuareg.
Nel 2012 dei 700 bambini, i primi 150 sono passati dalla V° alla VI° elementare.
A giugno del 2012 con la ribellione armata nell’Azawade per l’azione terroristica dei fondamentalisti legati ad Al Qaeda, i bambini sono stati costretti a fuggire dalle scuole e dai loro accampamenti per rifugiarsi in campi profughi nel deserto della Mauritania, in Niger e in Burkina Faso.
A distanza di quasi due anni dalla ribellione, i piccoli nomadi ritornano nei loro territori dell’Azawad. AIUTIAMOLI. PASSAPAROLA.
A nome del Popolo Tuareg, Grazie.
Claudia Zuncheddu

Claudia Zuncheddu

Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Milano, è giornalista pubblicista, appassionata di antropologia e autrice dei libri: “Parigi-Pechino sulle orme di Marco Polo” e “Africana”. Ex-consigliera comunale di Cagliari, è stata consigliera regionale nella XIV Legislatura.

Sito web: www.claudiazuncheddu.net

Lascia un commento

Assicurati di aver compilato tutti i campi richiesti (*). Puoi usare il codice HTML.

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera