A+ A A-

Claudia Zuncheddu all'attacco su Quirra

A due giorni dal deposito della perizia sul Poligono di Perdasdefogu, le polemiche non accennano a placarsi. La consigliera regionale Claudia Zuncheddu, segretaria del movimento Sardigna Libera, affida a una nota le sue riflessioni. «L'inadeguatezza della metodologia adottata in questa ricerca non è una novità perché essa accomuna anche tutte le altre indagini scientifiche condotte negli anni per conto di Ministeri dello Stato italiano, dall'Agenzia Nato-Nasma o dalla stessa Asl di competenza».

Pubblicato in Ambiente

Quirra, l’ennesima beffa: la perizia depositata nel Tribunale di Lanusei nell’ambito del processo sul poligono di Quirra

Pubblicato in Ambiente

Inferno Quirra, niente bonifica

Claudia Zuncheddu, consigliere indipendentista della Regione Sardegna, parla di "falsa vittoria" e "miserabile e grottesca elemosina". "Non solo i soldi ancora non sono stati stanziati, ma quella cifra sarebbe comunque ridicola. Non è sufficiente neppure a recintare l'intera zona. Figuriamoci per rimuovere gli ordigni inesplosi. Ma sa come si procede per una bonifica seria? Si preleva terra fino a 2 metri di profondità, la si lava, decontaminandola e l'acqua reflua deve essere versata in cassoni metallici sigillati, conservati in depositi simili a quelli delle scorie nucleari".

Pubblicato in Ambiente

Dal “segreto libico” al “segreto della NATO”. Il boicottaggio della NATO al PM Fiordalisi nel procedimento giudiziario sulle attività nel Poligono di Quirra è illecito.

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XIV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 1016/A

INTERROGAZIONE ZUNCHEDDU, con richiesta di risposta scritta sull'ingerenza della NATO nel procedimento giudiziario sulle attività nel Poligono di Quirra e sulla secretazione di una parte importante dell'inchiesta riguardante l'utilizzo dell'uranio impoverito.

Pubblicato in Ambiente

Al “tavolo tecnico su Quirra” con il Ministero della Difesa, i parlamentari sardi corrono il rischio di far la figura dei “creduloni e superficiali”. Di fronte ai problemi legati alla Vertenza Sardegna, il Governo italiano continua a rispondere come se fosse in una falegnameria, creando ennesimi “tavoli tecnici” che non si chiudono mai. Sono i “tavoli degli inganni” in cui siede abitualmente una buona parte della classe politica sarda, che si accontenta di sedersi al tavolo, ed è spesso e volentieri la deputata, a far digerire ai sardi i “pasti avvelenati” decisi a Roma e secondo gli interessi di Roma, normalmente in contrasto con i nostri.

Pubblicato in Ambiente

Capo Frasca: per cosa vi serviamo?

"La realtà della dismissione e le concrete prospettive di sviluppo"
Assemblea Pubblica
Sabato 17 Novembre 2012 ore 17.00
Aula Magna I.P.S.C.T.
Via della Pineta - Arbus

Pubblicato in Ambiente

Il Presidente Cappellacci in missione alla Maddalena… elargisce sorrisi e speranze garantendo 17 milioni di euro. Non una parola di impegno per far rientrare nelle casse sarde almeno i 100 milioni di euro (Fondi FAS per la Sardegna) sottratti dagli uomini del G8, su cui pendono pesanti imputazioni: dal favoreggiamento della prostituzione all’associazione a delinquere, alla corruzione. Il Presidente si affretti a costituirsi parte civile all’imminente processo di Perugia contro la c.d. “cricca” per difendere gli interessi dell’Isola della Maddalena e dei sardi. Mai succeda che arrivi tardi come nel “caso Quirra”.

Pubblicato in Ambiente

Ancora una volta gli interessi militari prevalgono sugli interessi dei sardi

Sulla questione dei Poligoni militari e sui giochi di guerra in Sardegna, noi sardi non dobbiamo abbassare la guardia. Insospettisce l’enfasi nei media e in gran parte della classe politica locale, sulle decisioni prese dalla Commissione Parlamentare sull’Uranio Impoverito, riguardante la progressiva chiusura dei Poligoni di Teulada e di Capo Frasca e la parziale riconversione e conservazione del Poligono di Quirra.

Pubblicato in Ambiente

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XIV LEGISLATURA
INTERROGAZIONE n. 749/A

INTERROGAZIONE ZUNCHEDDU, con richiesta di risposta scritta, sulle iniziative intraprese dal Presidente della Regione circa la costituzione di parte civile della Regione autonoma della Sardegna nel procedimento giudiziario relativo al disastro ambientale nell'area del poligono interforze del Salto di Quirra.

***************

Pubblicato in Ambiente
© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera