A+ A A-

In questi giorni si è appreso dalla stampa che un ingente armamentario bellico proveniente dalla Siria potrebbe essere stoccato nell’isola di Santo Stefano, nel pregiato Parco Naturale de La Maddalena: si tratta di 500 tonnellate di armi chimiche, notevolmente tossiche e pericolose tanto per l’ambiente, quanto per la salute delle popolazioni locali.

Pubblicato in Indipendentismo

«Sino ad oggi il lassismo della RAS ha reso impunite bande di criminali che hanno inquinato la nostra terra, il mare e l’aria, e ora, come se non bastasse, vogliono stravolgere anche il nostro sottosuolo con le trivelle. A queste imprese, che hanno trasformato la Sardegna in una “camera a gas” per la salute dei sardi, è sempre stata garantita l’impunità».

Pubblicato in Ambiente

Sulla Mozione n° 281 “sulla necessità dell’obbligatorietà di interventi finalizzati alla costituzione di parte civile della RAS nei casi di procedimenti giudiziari relativi a inquinamenti e disastri ambientali, alla tutela della salute dei cittadini riguardanti il territorio della Sardegna

Pubblicato in Istituzioni

Cagliari, 5 ott. (Adnkronos) - «Dopo i noti precedenti storici come quello dell'Isola di Mal di Ventre e la svendita, ancora in corso, fra l'altro avvallata dall'attuale Presidente della RAS, di parte del Nord Sardegna ad acquirenti arabi, anche l'Isola di Budelli, rinomata in tutto il mondo per la sua “spiaggia rosa” e per essere una delle maggiori attrazioni all'interno del Parco Nazionale de La Maddalena, viene fatta oggetto di svendita fra privati, come un qualsiasi bene di largo consumo. La nostra Isola viene così ridotta a “spezzatino” da servire come “piatto prelibato” e a basso costo ora a Emirati arabi, ora al Qatar, ora a neozelandesi». Lo ha affermato la consigliera regionale indipendentista di SardignaLibera, Claudia Zuncheddu, depositando un'interpellanza per sollecitare il Presidente della Regione ad esercitare il legittimo diritto di prelazione, riconosciuto dalla normativa, nell'acquisto dell'Isola di Budelli.

Pubblicato in Ambiente

La Sardegna ridotta a “spezzatino” e servita come "piatti prelibati" e a basso costo ora a Emirati arabi, ora al Qatar ora a neozelandesi… Ma dov’è, cosa fa e a favore di chi opera il Presidente Cappellacci?

Pubblicato in Ambiente

Ri-costruire un futuro per La Maddalena

Ri – costruire un futuro per La Maddalena
Venerdì 22 Marzo 2013 dalle ore 17:00
Aula Consiliare del Comune di La Maddalena

Pubblicato in Ambiente

G8, processo alla Cricca spostato a Roma

Il processo sugli appalti truccati della Cricca riparte da Roma e sul procedimento si addensano le nubi della prescrizione. Per La Maddalena il rischio è di rimanere beffata, nei tempi di un gioco dell'oca che ha fatto rimbalzare dalla capitale a Perugia un'indagine avviata a Firenze e ora nuovamente a Roma il processo iniziato in Umbria. Dopo un tira e molla di pronunce di Riesame, Gup e Cassazione, ieri il tribunale di Perugia ha decretato che è Roma la sede competente per giudicare l'ex capo della protezione civile, Guido Bertolaso, l'ex presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Angelo Balducci, il costruttore Diego Anemone, altri 15 imputati e 11 società.

Pubblicato in Ambiente

La consigliera regionale indipendentista Claudia Zuncheddu non rinuncia alla sua battaglia a proposito della costituzione della Regione come parte civile nel processo di Perugia contro la cricca che avrebbe distratto i fondi destinati al G8 di La Maddalena. «Abbiamo appreso che il Tribunale ha accolto la costituzione del Comune maddalenino, così come quella di diversi Ministeri e della Guardia di Finanza - specifica la consigliera di Sardigna Libera - con la mancata partecipazione della Sardegna al processo abbiamo perso un'opportunità non solo di far giustizia per l'Isola ma anche per mettere a disposizione del pm le testimonianze e la ricca documentazione in possesso degli uffici regionali su questa faccenda.

Pubblicato in Ambiente

Bonas Noas dal Tribunale di Perugia per la RAS

Tutto si azzera. Per la Sardegna si presenta la quarta opportunità per costituirsi parte civile. La Camera di Consiglio, in serata ha deciso che il Processo contro la c.d. “cricca”, per gli appalti legati ai Grandi eventi, compreso il G8 alla Maddalena, da Perugia passa a Roma su richiesta dei difensori del costruttore Anemone, dell’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso e di altri 16 personaggi: liberi professionisti, imprenditori e funzionari pubblici. Le agenzia di stampa riferiscono che resterà a Perugia un solo capo d’imputazione.

Pubblicato in Ambiente

La cosiddetta “cricca del G8” potrebbe essere assolta con formula piena al Processo di Perugia grazie alla Sardegna che rinuncia a costituirsi parte civile.

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 3
© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera