Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42
A+ A A-

Passato il Testo sui tagli alla Democrazia in Sardegna

Vota questo articolo
(0 Voti)

Consiglio Regionale  13/10/2011

Il nuovo testo che riduce i consiglieri regionali da 80 a 60, ora va all’esame del Parlamento italiano.

L’Odg votato in Aula: Deliberazione di ritiro della proposta di legge nazionale in materia di composizione del Consiglio regionale deliberata il 1 ottobre 2011 in considerazione della nuova iniziativa di PLN per la riduzione del numero dei consiglieri regionali previsto in Statuto (testo allegato in coda).
 
Esito delle votazioni
 
64        FAVOREVOLI
04        ASTENUTI (Gruppo Idv Salis, Mariani, Cocco  -  Comunisti  Ben Amara)
01        CONTRO (Claudia Zuncheddu)
 

Diverse le posizioni in Aula. Il CD propone la riduzione da 80 a 60; il PD e Idv  presentano un emendamento in Aula per la riduzione da 80 a 50. Dopo la bocciatura dell’emendamento Salis, Mariani e Cocco di Idv si astengono dalla votazione;


L’unico voto contro (della sottoscritta) con la motivazione che questa è una legge farsa, che abbassa solo il livello di democrazia mentre non è stata presa in considerazione dalla Commissione Autonomia la propria proposta di legge per abbattere i costi reali di tutta la macchina regionale.
-------   

Testo dell’Odg
 
ODG: Diana M. (Pdl) – Steri (UDC) – Vargiu (Riformatori) – Uras (SEL) – Salis (Idv) – Diana G. (PD) – Sanna Giacomo (Psd’Az)
 
Deliberazione di ritiro della proposta di legge nazionale in materia di composizione del Consiglio regionale deliberata il 1 ottobre 2011 in considerazione della nuova iniziativa di PLN per la riduzione del numero dei consiglieri regionali previsto in Statuto. 

Il Consiglio regionaloe al termine della discussione della PLN 12 che propone di ridurre a 60 il numero dei consiglieri regionali attraverso una modifica dell'articolo 16 dello Statuto;
 
CONSIDERATO il consenso manifestato sulla proposta nel corso del dibattito;

RITENUTO che in questa fase competa alla Regione proporre subito misure che, tenendo conto delle esigenze della finanza pubblica e di credibilitĂ  delle politiche di contenimento della spesa, siano adeguate alle proprie necessitĂ , per evitare il prevalere di posizioni centralistiche poche consapevoli del ruolo svolto dalle istituzioni autonomistiche;

SOTTOLINEATO che in tal modo il Consiglio regionale manifesta una capacitĂ  di autoriformarsi che stenta ad  affermarsi in altre istituzioni dei vari livelli di governo, anche rinunciando a un maggior margine di autonomia che potrebbe esercitarsi rinviando tale compito alla legge statutaria ed elettorale;
 
CONSIDERATO che la nuova PLN raccoglie e porta a miglior sintesi in tale materia le posizioni condivise da ampia parte della Assemblea che a loro volta rappresentano una opinione diffusa e sentita nella societĂ  regionale;

RITENUTO che la stessa PLN, esprimendo la volontĂ  attuale del CONSIGLIO, superi e sostituisca la PLN sulla stessa materia adottata con deliberazione a maggioranza di sabato 1 ottobre;
 

DELIBERA

La PLN Modificadell’articolo 16 della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 (Statuto speciale per la Sardegna), concernente la composizione del Consiglio regionale approvata nella seduta di sabato 1 ottobre è abrogata e sostituita dalla PLN approvata (discussa) in data odierna dall’Assemblea per la riduzione del numero dei consiglieri previsto in Statuto che sarĂ  trasmessa al Parlamento quale unica iniziativa del Consiglio regionale.

                                                                                 Firmato da tutti i capigruppo

Lascia un commento

Assicurati di aver compilato tutti i campi richiesti (*). Puoi usare il codice HTML.

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera