A+ A A-

Sardanews: Ambientalisti contro riapertura Eurallumina: “Non vogliamo tornare all’era del carbone”

La decisione di riaprire lo stabilimento di Eurallumina testimonia la volontà politica di ritornare all’era del carbone. Lo hanno ribadito oggi tutti i principali esponenti del mondo ambientalista sardo in una incontro con la stampa congiunto dopo che la Conferenza dei servizi ha dato il via libera alla riapertura del complesso industriale del Sulcis. La Confederazione sindacale sarda ha poi condannato duramente le intimidazioni e le minacce di morte ricevute nei giorni scorsi dall’esponente di Sardegna Pulita Angelo Cremone.

Ma lo scontro più acceso è tra la Regione Sardegna, che ha accettato di buon grado il parere della Conferenza dei servizi e il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che si oppone fermamente al progetto.

«Ci sono dati reali, indagini fatte sulle disfunzioni tiroidee in un centinaio di bambini da cui è emerso che in 40 erano presenti patologie collegate all’inquinamento», ha denunciato la consigliera regionale di sardigna libera Claudia Zuncheddu.

«C’è una circolare di un Comune del Sulcis – ha raccontato poi Cremone – che invitava la popolazione a non somministrare ai minori di 7 anni i prodotti locali. Vogliamo avere la possibilità di dire liberamente che la centrale a carbone a noi non piace. Non è possibile che io vado in un ristorante e vengo aggredito, che passo vicino ai manifesti di Eurallumina rischiando che qualcuno mi metta le mani addosso. C’è poi chi ha impiccato un manichino con la mia faccia davanti alla sede della Provincia facendolo addirittura a pezzi».

Stiamo combattendo la madre di tutte la battaglie – spiega il segretario di Css Giacomo Meloni – se passa la riapertura di Eurallumina, si darà il via libera a fare della Sardegna un territorio in cui si potranno scaricare qualsiasi fonte d’inquinamento, scorie radioattive e altri rifiuti tossici compresi».

 

Leggi tutto... 0

Tiscali: 16-2-2017

"Chi spinge per il riavvio dello stabilimento dell'Eurallumina, e in generale di tutta l'industria altamente inquinante, vuole in realtà un ritorno all'era del carbone".

E' la posizione forte espressa dal mondo ambientalista sardo all'indomani del via libera della Conferenza di servizi al progetto da 200 milioni di euro per far ripartire la filiera dell'alluminio nel Sulcis. L'ennesima protesta arriva dopo le minacce di morte subite da Angelo Cremone, storico e battagliero ecologista attivo nel territorio.

Un nulla osta, quello della Conferenza, che per la Regione chiude la partita definitivamente. Ma sul tema è scontro istituzionale perché il Mibatc ritiene determinante la sua opposizione al progetto legata a questioni paesaggistiche, al contrario di Viale Trento che ha giudicato il parere negativo non vincolante

"Ci sono dati reali, indagini fatte sulle disfunzioni tiroidee in un centinaio di bambini da cui è emerso che in 40 erano presenti patologie collegate all'inquinamento", denuncia Claudia Zuncheddu incontrando i giornalisti con tutti gli ambientalisti dalla Confederazione sindacale sarda (Css).

L'esponente di Sardegna Pulita ricorda anche la circolare di un Comune del Sulcis "con cui si invitava la popolazione a non somministrare ai minori di 7 anni i prodotti autoctoni". Insomma, attacca Zuncheddu, "chi vuole il riavvio vuole uno sterminio". "Vogliamo poter dire liberamente che non ci piace la centrale a carbone", ribadisce Cremone che sulle minacce a lui indirizzate chiarisce: "non posso andare in ristorante ed essere aggredito, o passare vicino ai manifestanti di Eurallumina e rischiare che mi mettano le mani addosso. Chi ha preso un manichino con la mia faccia, l'ha impiccato e fatto a pezzi davanti alla sede della Provincia, sta portando i lavoratori sulla strada sbagliata". Questa, sottolinea il segretario di Css, Giacomo Meloni, "è la madre di tutte le battaglie, uno snodo, perché se passa la riapertura di Eurallumina, allora si dà il via libera a fare della Sardegna un territorio in cui scaricare tutte le fonti d'inquinamento, scorie radioattive e altri rifiuti tossici compresi". (ANSA).

Leggi tutto... 0

 

Unione sarda 16-2-2017

Eurallumina, la protesta degli ambientalisti: "Il rilancio sarebbe un genocidio"

 


Da una parte c'è il mondo isolano degli ambientalisti che, con Claudia Zuncheddu, medico, ex consigliere regionale e oggi presidente dell'associazione Sardigna Libera, parla di "genocidio in caso di rilancio dell'Eurallumia".

Dall'altra ci sono loro, gli operai della fabbrica di Portovesme, da otto anni in lotta per il lavoro che promettono di continuare battersi "con la solita determinazione, nel rispetto delle norme e delle leggi, convinti che il futuro economico e sociale del Sulcis, della Sardegna e dell'Italia, non possa prescindere da un modello di sviluppo integrato".

In mezzo lo scontro istituzionale tra la Regione che, con il parere favorevole della Conferenza dei servizi al progetto da 200 milioni di rilancio della filiera dell'alluminio, considera avviata la fase di rilancio di Eurallumina, e il ministero dei Beni culturali, che invece ha dato parere negativo legato a questioni sul paesaggio.

Leggi tutto... 0

Petizione #NoScorie

Video dal canale

 

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera