A+ A A-

EcoCentro a Sant'Elia è rivolta popolare

Vota questo articolo
(0 Voti)
Alla dott.ssa Anna Paola Loi: Assessore al Personale - Assessore agli Affari Generali - Assessore ai Sistemi Informativi/Informatici e Telematici - Assessore alla Protezione Civile e di Igiene del suolo del Comune di Cagliari
p/c al Sindaco Massimo Zedda - alla Giunta e al Consiglio del Comune di Cagliari
Richiesta di annullamento Delibera n° 47 – 08/09/2015
 
Gentile assessora Loi
la presente per informarLa che in data 23 settembre 2015, come previsto, si è svolto nella sala convegni del Lazzaretto di Cagliari il Convegno – Dibattito su “EcoCentri e Strategie Rifiuti Zero – la parola ai cittadini”.
Avendoci preannunciato che per impegni istituzionali antecedenti non poteva essere presente al convegno, come da Lei richiesto espressamente, Le comunichiamo le prime risultanze dei lavori in attesa di un incontro.
 
Dagli interventi dei relatori, sono emerse le incompatibilità dell’Ecocentro per vocazione culturale, naturalistica, paesaggistica dei luoghi e per la salute ambientale e delle popolazioni.
Prof. Enrico Atzeni dell’Università di Cagliari ha trattato il tema sul ricco patrimonio archeologico del Colle Sant’Elia, risorsa culturale fulcro per una reale riqualificazione del quartiere.
Dott. Fausto Pani, geologo, che con il tema sulle “Logiche di una baia perduta”, ha esposto i processi di metamorfosi delle antiche saline su cui l’uomo ha edificato imprudentemente vasti quartieri.
Dott.ssa Franca Battelli, Presidente Zero Waste Sardegna, è intervenuta sulla necessità di politiche virtuose tese alla riduzione e gestione dei rifiuti: “Verso Rifiuti Zero - dalla differenziata al riuso e al recupero”. Ribadendo la logica conseguenza della dismissione progressiva di inceneritori, di discariche e di Ecocentri.
Avv. Fabio Cuccuru, entrando in merito al progetto dell’Ecocentro di Sant’Elia, ha evidenziato “incongruenze ed omissioni” da parte dell’Amministrazione comunale.
Dott.ssa Claudia Zuncheddu, medico di Medicina Generale a Sant’Elia e medico per l’Ambiente, è intervenuta sullo stato di salute della popolazione e inquinamento ambientale nel quartiere.
 
Il convegno-dibattito ha avuto come scopo garantire la maggiore informazione e la partecipazione democratica dei cittadini ad una scelta così importante come quella del vasto Ecocentro di Sant’Elia, secondo le direttive della normativa europea sulla partecipazione delle collettività. Il dibattito successivo al convegno, che ha visto un’attiva partecipazione degli abitanti dei quartieri, ha espresso chiaramente la propria contrarietà all’impianto dell’Ecocentro nei 6000 metri quadri di verde pubblico sito tra Sant’Elia e San Bartolomeo, a ridosso di scuole, di orti urbani, di un istituto di anziani oltre che nella porta turistica di maggior pregio della città di Cagliari.
Auspichiamo, nel rispetto della volontà popolare, che la SV, come assessore competente, il sindaco Zedda, la Giunta e l’intero Consiglio comunale, rimettano al centro del dibattito la Delibera n° 47 rivedendo la votazione espressa con voto favorevole a maggioranza (uno escluso) nella seduta consiliare del 08/09/2015.  
Certi della Vs sensibilità, attendiamo un incontro per avviare un iter condiviso di revisione del progetto dell’impianto previsto per Sant’Elia.
Comitato NO EcoCentro Sant’Elia – San Bartolomeo  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Claudia Zuncheddu

Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Milano, è giornalista pubblicista, appassionata di antropologia e autrice dei libri: “Parigi-Pechino sulle orme di Marco Polo” e “Africana”. Ex-consigliera comunale di Cagliari, è stata consigliera regionale nella XIV Legislatura.

Sito web: www.claudiazuncheddu.net

Lascia un commento

Assicurati di aver compilato tutti i campi richiesti (*). Puoi usare il codice HTML.

Petizione #NoScorie

Video dal canale

 

© Tutti i diritti riservati.
Sardigna Libera